Accademia
Gioachino Rossini - Il barbiere di Siviglia
Gioachino Rossini - Il barbiere di Siviglia
dal 8 settembre 2022 al 15 settembre 2022
dal 8 settembre 2022 al 15 settembre 2022
Si prega di prendere visione dell'informativa COVID-19 nella gestione dei posti e sulle modalità di accesso in Teatro 


Nel primo decennio dell’Ottocento il ventenne Gioachino Rossini aveva già conquistato le scene teatrali con Tancredi e L’Italiana in Algeri. Alla fine del 1815 firmò un contratto con l’impresario del Teatro Argentina di Roma per scrivere un’opera, da inserire nel cartellone di Carnevale dell’anno seguente, intitolata Almaviva, o sia L’inutile precauzione. Il soggetto era ben noto perché tratto dalla commedia Le barbier de Séville di Beaumarchais già messo in musica da molti altri autori: tra essi il celebre Giovanni Paisiello, il cui Barbiere di Siviglia (1782) aveva furoreggiato nei teatri di mezza Europa. L’impresa di proporre il remake di un titolo famoso mentre era ancora in vita Paisiello era oltremodo temeraria e così Rossini, per mettersi al riparo da possibili accuse, scelse un titolo diverso - Almaviva appunto - e decise di stampare nel libretto un avvertimento al pubblico in cui dichiarava che per rispetto nei confronti del più anziano maestro aveva chiesto al poeta Cesare Sterbini di scrivere per l’occasione un nuovo libretto. Ma la precauzione si rivelò inutile poiché al debutto, il 20 febbraio 1816, l’opera fu fischiata e la serata degenerò in bagarre come raccontato da Rossini stesso. Il compositore pesarese tuttavia non si ingannava sul valore del suo lavoro, e dopo le prime repliche il suo Barbiere incassò il plauso meritatissimo che gli spettava surclassando l’opera di Paisiello e diventando in breve l’opera più amata e rappresentata. Qualche anno più tardi, un musicista del calibro di Giuseppe Verdi avrebbe dato al Barbiere di Siviglia rossiniano la palma di “opera buffa più bella che esista, per abbondanza di idee musicali, per verve comica e per verità di declamazione”.

La recita del 14/09/2022 è offerta al pubblico con uno sconto del 50% del prezzo sui biglietti di ogni settore

Allestimento del Maggio Musicale Fiorentino