La forza del destino

Giuseppe Verdi

Da Venerdì 04 Giugno 2021 a Domenica 20 Giugno 2021

Data Luogo Acquista
Venerdì 04 giugno 2021 20:00 Teatro del Maggio Acquista 
Lunedì 07 giugno 2021 20:00 Teatro del Maggio Acquista 
Giovedì 10 giugno 2021 20:00 Teatro del Maggio Acquista 
Mercoledì 16 giugno 2021 20:00 Teatro del Maggio Acquista 
Domenica 20 giugno 2021 15:30 Teatro del Maggio Acquista 


Si prega di prendere visione dell'informativa COVID-19 nella gestione dei posti   

Il 10 novembre 1862 al Teatro Imperiale di San Pietroburgo debutta La forza del destino. L’anno precedente Verdi era stato a lungo corteggiato dalla direzione del teatro russo, che lo aveva convinto ad accettare l’incarico assicurandogli un ottimo compenso e la possibilità di scegliere libretto, librettista e interpreti. In prima battuta il maestro aveva pensato al Ruy Blas di Hugo, scartandolo poco dopo in favore del romanzo spagnolo Don Alvaro o La forza del destino di Ángel de Saavedra, duca di Rivas, un dramma definito da Verdi “potente, singolare e vastissimo”. Scrivere per il pubblico russo, abituato all’opera italiana settecentesca ma anche al grand opéra francese, voleva dire per Verdi sperimentare soluzioni drammaturgiche nuove. La trama dell’opera, poi, in cui si intrecciano più storie su uno sfondo brulicante di personaggi, ben si prestava alla commistione di stili e registri. Il risultato fu una sintesi tra dramma aristocratico e commedia popolare, tratto caratteristico di un’opera che non venne mai compresa in pieno. Ma che il maestro invece vi tenesse particolarmente lo dimostra la cura che mise nel revisionarla anni dopo per Milano, dove debuttò il 27 febbraio 1869. Nella versione scaligera, oltre all’aggiunta della famosa sinfonia, in cui compare il motivo del fato ineluttabile, Verdi decise di cambiare il finale. Quel dramma d’onore che si concludeva con le morti violente dei tre protagonisti non lo convinceva più. E così, con la collaborazione di Antonio Ghislanzoni, subentrato nel frattempo a Piave, optò per un finale in stile manzoniano, che vede Don Alvaro pentirsi e sopravvivere alla morte di Leonora.

Nuovo allestimento

Artisti
Direttore
Zubin Mehta

Regia
Carlus Padrissa

Scene
Roland Olbeter

Costumi
Chu Uroz

Luci e video
Franc Aleu

Leonora
Saioa Hernández

Don Alvaro
Roberto Aronica

Padre Guardiano
Ferruccio Furlanetto

Don Carlo di Vargas
Amartuvshin Enkhbat

Preziosilla
Annalisa Stroppa

Fra Melitone
Carlo Lepore

Il marchese di Calatrava
Alessandro Spina

Maestro Trabuco
Leonardo Cortellazzi

Un chirurgo
Francesco Samuele Venuti

Coro e Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino
Maestro del Coro
Lorenzo Fratini

 

 
Prezzi
Platea 1 180 €
Platea 2 150 €
Platea 3 120 €
Platea 4 90 €
Palchi 70 €
Galleria 50 €
Visibilità limitata e Ascolto 15 €