Le Villi/Ehi Giò

Giacomo Puccini/Vittorio Montalti

Martedì 16 Ottobre 2018 - Domenica 28 Ottobre 2018

Data Location Acquista
Martedì 16 ottobre 2018 20:00 Teatro del Maggio Musicale Fiorentino Acquista
Sabato 20 ottobre 2018 20:00 Teatro del Maggio Musicale Fiorentino Acquista
Giovedì 25 ottobre 2018 20:00 Teatro del Maggio Musicale Fiorentino Acquista
Domenica 28 ottobre 2018 15:30 Teatro del Maggio Musicale Fiorentino Acquista


LE VILLI

 Il debutto di Giacomo Puccini nel mondo dell’opera è datato 31 maggio 1884, quando al Teatro dal Verme di Milano va in scena Le Villi. Testimone di una fase sperimentale della drammaturgia pucciniana, Le Villi è il cimento di un giovane compositore, fresco di studi al Conservatorio di Milano, che sceglie di misurare le proprie capacità con un’opera di piccole dimensioni - tre soli i personaggi più il coro - e con un genere, quello dell’opera-ballo, molto apprezzato al tempo. Anche il soggetto fiabesco di matrice nordica era di gran moda in quegli anni; il libretto di Ferdinando Fontana è infatti ispirato all’antica leggenda germanica delle Villi, creature fantastiche vendicatrici delle anime delle fanciulle morte per amore. Già ispiratrici di un noto balletto parigino, le singolari creature sono protagoniste del brano più fortunato e conosciuto dell’opera di esordio di Puccini: la ‘Tregenda’, il balletto dalle movenze sinistre del secondo atto in cui le Villi invitano il fedifrago Roberto a danzare con loro fino a farlo morire per sfinimento.

 

EHI GIÒ

Su libretto di Giuliano Compagno, Ehi Giò è l’opera di Vittorio Montalti dedicata a Rossini. Composta nel 2016 e rappresentata per la prima volta al Teatro Lirico di Spoleto, Ehi Giò sarà allestita a Firenze in una versione definitiva. Nella breve opera Montalti, Leone d’argento per la Musica alla Biennale di Venezia nel 2010, ritrae un Rossini ormai anziano, rintanato nel suo rifugio dorato di Passy e costretto dall’inaspettata visita di una squadra di operai a rivivere alcune tappe del suo mito: dalla passione gourmand, all’ipocondria, dai nostalgici ricordi di una carriera folgorante e gloriosa al male di vivere, suo compagno di sempre. I fantasmi del passato - donne amate, cantanti e impresari -  riprendono così vita in una scrittura modernissima e stimolante che si muove con agio tra l’ampia gamma delle intonazioni vocali impiegate, sonorità elettroacustiche e colte citazioni musicali.

 

Artisti
Maestro concertatore e direttore
Marco Angius

Regia e Scene
Francesco Saponaro

Coreografa
Susanna Sastro

Le Villi

Voce recitante
Tony Laudadio

Roberto
Leonardo Caimi

Guglielmo
Elia Fabbian

Anna
Maria Teresa Leva

Ehi Giò

Voce recitante
Tony Laudadio

Tenore
Gregory Bonfatti

Soprano
Ljuba Bergamelli

Baritono
Salvatore Grigoli

Libretto di
Giuliano Compagno

Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino
Compagnia nuovo balletto di Toscana
Maestro del Coro Lorenzo Fratini
Prezzi
A partire da