fbpx
Sonya Yoncheva

Soprano, nata nel 1981, Sonya Yoncheva si è diplomata in pianoforte e canto a Plovdid, sua città natale, in Bulgaria, sotto la guida di Nelly Koitcheva. Ha successivamente conseguito una laurea magistrale in canto al Conservatorio di Ginevra, studiando
con Danielle Borst. È inoltre vincitrice di vari importanti concorsi internazionali, fra cui il primo premio e il premio CultureArte a Operalia di Plácido Domingo (2010). Nel 2019 ha vinto il prestigioso Readers’ Award dell’“International Opera Awards” e il premio ECHO Klassik nel 2015 come cantante emergente dell’anno. Momenti di spicco nella carriera dell’artista sono stati il debutto come protagonista di Tosca in un nuovo allestimento al Metropolitan di New York, dove ha anche interpretato Iolanta, Luisa Miller,
Rigoletto (Gilda), La traviata (Violetta), La bohème (Mimì) e una nuova produzione di Otello (Desdemona). Ha inoltre cantato in altri prestigiosi teatri d’opera, fra cui Staatsoper di Berlino: Médée di Cherubini (protagonista in un nuovo allestimento), Tosca e La traviata; Royal Opera House Covent Garden: Norma (protagonista in una nuova produzione), La traviata, Les
contes d’Hoffmann (Antonia), Faust (Marguerite) e Carmen (Micaëla); Teatro alla Scala: La bohème e Il pirata (Imogene in un nuovo allestimento); Opéra di Parigi: nuove produzioni di Don Carlos (Elisabetta), La bohème e Iolanta, nonché La traviata e Lucia di
Lammermoor; Festival di Salisburgo: L’incoronazione di Poppea (Poppea in un nuovo allestimento); Festspielhaus Baden-Baden: Otello (in una nuova produzione) e lo stesso titolo con i Berliner Philharmoniker alla Philharmonie di Berlino; Staatsoper di Vienna:
Faust e Roméo et Julietta. Sonya Yoncheva inizia la stagione 2019/2020 con tre concerti pucciniani ad Amburgo (Elbphilharmonie), Mosca e Sofia, seguiti da una nuova produzione de Il pirata (Imogene) al Teatro Real di Madrid e da recite di uno dei suoi cavalli di battaglia, il ruolo di Mimì ne La bohème alla Royal Opera House di Londra. Successivamente riprende il ruolo del titolo di Médée alla Staatsoper Unter den Linden di Berlino e canta in concerto al Festival di Salisburgo, all’Arena di Verona e al Teatro Romano di Plovdiv. Gli impegni cancellati per la crisi del Coronavirus includevano i debutti come protagonista in Manon Lescaut al Metropolitan di New York e in Fedora al Teatro alla Scala e al Festival Radio France, nonché Tosca alla Bayerische Staatsoper di Monaco, La
traviata all’Arena di Verona e concerti al Palau de la Música di Barcellona e al Festival di Verbier. Programmati per la stagione 2020/2021 sono un nuovo allestimento di Lohengrin alla Staatsoper Unter den Linden di Berlino che vedrà il debutto wagneriano del soprano nelle vesti di Elsa, il debutto come protagonista di Aida in due recite in forma di concerto per celebrare il 150° anniversario della prima mondiale del capolavoro verdiano, altri debutti nei ruoli di Leonora ne Il trovatore e Rusalka al Metropolitan di New York, in Manon Lescaut (Manon) alla Bayerische Staatsoper e in quello di Stephana nella rarità verista Siberia in un nuovo allestimento al Maggio Musicale Fiorentino. Sonya Yoncheva riprenderà il ruolo di Tosca in recite alla Wiener Staatsoper e canterà concerti con l’Orchestra Sinfonica di Anversa, la Filarmonia di Würth in Germania, la Sinfonica di Basilea al Festspielhaus di Baden-Baden e recitals al Théâtre des Champs-Élysées di Parigi e al Prinzregententheater durante il Festival dell’Opera di Monaco di Baviera. L’artista ha un contratto in esclusiva con Sony Classical e ha inciso tre album da solista: Paris, mon amour, Händel e The
Verdi Album. Sonya Yoncheva è ambasciatrice internazionale Rolex.